Collane
  • Attualità e Storia
  • Famiglia
  • Psicologia
  • Spiritualità
  • Teologia
  • Altri Libri
  • Narrativa

Ascesa & declino della Seconda RepubblicaItalia 1992-2012

Festa Lodovico

-34%
Risparmi €4,83
Ascesa & declino della Seconda Repubblica

Dello stesso Autore

-34%
Risparmi €4,83
Ascesa & declino della Seconda Repubblica

Festa Lodovico

Ascesa & declino della Seconda RepubblicaItalia 1992-2012

14,00 € 9,17 € Risparmi 4,83 € (34%)
Codice:ART555
ISBN:9788881555611
Anno:2012
Pagine:240

Ascesa & declino della Seconda Repubblica

Questo libro racconta l’Italia dal 1992 al 2012. Dal crollo del sistema politico-istituzionale della Prima Repubblica si perviene a una «democrazia» nuovamente commissariata dai tecnici (perfetti più nell’emergenza che nell’elaborare soluzioni istituzionali e politiche di fondo) dopo «gravi scandali» spesso pilotati dal circuito mediatico-giudiziario e segnata dall’influenza straniera, con grandi partiti e sindacati che rischiano di sclerotizzarsi in nomenklature. Fra le due date, secondo  vari commentatori, ci sarebbero l’ascesa e il declino del populismo berlusconiano e l’irrisolta «questione morale», che si impone a causa della tendenza di fondo all’illegalità della nostra società. Lodovico Festa contrappone a questa analisi semplicistica l’esame delle tendenze (imprenditoriali e operaie, religiose e popolari) che in questo ventennio hanno aperto nuovi spazi per delineare una visione alternativa (sussidiaristica, federalistica, non statalista) a quella oligarchico-élitista e, pur prendendo atto dei gravi limiti delle forze che hanno resistito a un’idea di democrazia subalterna, dei fallimenti della Lega Nord e in larga misura del berlusconismo, ritiene che le radici di questa nuova visione possibile non siano state estirpate e possano favorire la riflessione anche delle parti più riformiste di una sinistra spesso cocciutamente conservatrice. Questa tesi non è svolta in astratto ma con i ritratti dei protagonisti, elencati nelle dieci pagine dell’Indice dei nomi: grandi banche, grandi imprese, movimenti sociali, personalità e forze politiche, media, complesse manovre – a partire da quelle della magistratura combattente – per condizionare il «centro» reale del potere della Repubblica, cioè il Quirinale.

Prodotti Simili